· Città del Vaticano ·

Un mondo sempre più affamato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
Il mondo è sempre più povero. Cresce la fame e diminuisce il lavoro. Le guerre, la pandemia e i cambiamenti climatici hanno influito in modo decisivo a far salire, nel 2020, la percentuale di popolazione denutrita nel mondo, dopo anni nei quali si erano registrati lenti progressi. Oggi le Nazioni Unite contano 155 milioni di persone in stato di insicurezza alimentare acuta, 20 milioni in più rispetto al 2019. E l’anno che si sta per concludere ha segnato anche una grave inversione di tendenza nei progressi per sradicare la povertà lavorativa, tornata ai livelli del 2015. I redditi da lavoro risultano infatti diminuiti del 5,3%, ovvero di circa 1300 miliardi di dollari. Rispetto al 2019, si stima che 108 milioni di lavoratori in più siano estremamente o moderatamente poveri, il che significa che loro e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno