· Città del Vaticano ·

Sull’arca di Noè con Camilleri e l’ombrello

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
Il teatro che cos’è? Si chiede Andrea Camilleri in una delle sue raccolte di saggi più originali e ricche di episodi vissuti in prima persona. Per rispondere a questa domanda il papà di Montalbano cita una Bibbia apocrifa mai esistita, a metà tra la parodia e la parabola “personalizzata”, che amava raccontare Silvio D’Amico: «Sta per scoppiare il diluvio universale. Noè si affretta a far entrare nell’arca una coppia di tutti gli animali della terra. Poi comincia a piovere. Diluvia per giorni e giorni. Ogni tanto Noè è costretto a salire sul ponte per vedere come stanno le cose. Nella speranza di non bagnarsi si è costruito un rudimentale ombrello. Ogni volta che sale sul ponte, apre l’ombrello. E si bagna, naturalmente, ma l’ombrello gli ha dato l’illusione di averlo in qualche ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno