· Città del Vaticano ·

Riflettendo sulle sfaccettature

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
In tempi di contrapposizioni, di muri, di bianchi e neri branditi come verità assolute, volevamo riflettere attorno a qualcosa che celasse tante sfaccettature. Ed è così che siamo arrivate all’ombrello. Strumento di riparo a tanti livelli, esso può diventare elemento di compagnia, come emerge dal racconto che Giulia Alberico ha scritto per «Quattro Pagine»; metafora, nell’articolo di Silvia Gusmano, di un’azione di resistenza collettiva contro la tempesta nella vita di don Lorenzo Guetti (1847-1898); emblema di quel che impedisce di vivere a tuttotondo nella Sabrina di Billy Wilder tratteggiata da Gabriele Nicolò; particolare centrale nella parabola pseudotestamentaria di Andrea Camilleri, come ci ricorda Silvia Guidi. Ma l’ombrello diventa anche il cuore di Lister, la sartoria sociale di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati