· Città del Vaticano ·

Il racconto inedito

La signorina Ersilia Marino Della Fazia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
L a signorina Ersilia Marino Della Fazia non usciva mai di casa senza ombrello. Che fosse inverno o estate, che fossero le mezze stagioni, sempre vestita di tutto punto e, in mano, un ombrello. Nulla di strano se fosse stato un autunno piovoso o una primavera dagli scrosci improvvisi, ma talvolta era davvero incongruo quell’accessorio perché non vi era traccia di nubi all’orizzonte e nessun vento minacciava turbini da Oriente, oppure c’era il sole radioso della piena estate. Anche le ore in cui la signorina Ersilia usciva dal palazzo erano le stesse: al mattino poco prima di mezzogiorno e di sera per la messa delle sette. Nessuno si azzardava a chiederle ragione di quell’abitudine, tanto riservata era la signorina. Gentile, garbata, viveva sola da che erano morti i genitori, nel palazzo Marino Della Fazia che troneggiava sulla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati