· Città del Vaticano ·

Nel capolavoro di Billy Wilder «Sabrina»

Audrey Hepburn e l’uomo inamidato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 novembre 2021
Una metamorfosi che lascia di stucco David (William Holden). Da ragazza timida e impacciata Sabrina (Audrey Hepburn) si trasforma, dopo un lungo soggiorno di formazione professionale a Parigi, in una donna padrona di sé ed elegante. Passando con la sua lussuosa macchina da corsa davanti alla stazione, David, membro di una famiglia miliardaria di Long Island, dapprima nemmeno la riconosce, poi ha luogo l’epifania (e il conseguente corteggiamento). Figlia dell’autista della famiglia, Sabrina, da ragazza, era follemente innamorata di lui che, al contrario, di lei non notava che l’ombra. David è spensierato e non ha mai lavorato un giorno: l’esatto contrario del fratello, Larry (Humphrey Bogart), uomo dell’alta finanza, compassato, totalmente assorbito nella sua attività che non gli lascia nemmeno un attimo per svagarsi. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati