· Città del Vaticano ·

Una grande testimonianza d’affetto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 novembre 2021
Migliaia di persone, ieri, domenica 21 novembre, si sono recate in pellegrinaggio a Venezia alla Madonna della Salute, la festa religiosa e popolare più amata dai veneziani, tornata in presenza dopo lo stop forzato dell’anno scorso a causa del covid. Una processione incessante fino all’altare dell’immagine sacra della Vergine, nella basilica in Punta della Dogana, con file di fedeli formatesi sin dall’alba in attesa di entrare. Così la città ha ripetuto quel che avviene ogni anno, il 21 novembre, dal 1630-1631 e dalla peste di cui scrive Alessandro Manzoni ne I promessi sposi. Di fronte a una pandemia che falcidiò un terzo della popolazione, causando circa 50.000 vittime, il doge Nicolò Contarini fece voto di erigere un tempio se il terribile morbo fosse cessato. «Le nostre preghiere di oggi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno