· Città del Vaticano ·

La leggenda del Grande Inquisitore / II

Il dramma della libertà nella risata di Ivan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 novembre 2021
«Tu non sei sceso dalla croce quando, facendosi beffe di te e schernendoti, ti gridavano: “Scendi dalla croce, e crederemo che sei tu”. Non sei sceso perché, ancora una volta, non hai voluto asservire l’uomo con il miracolo e volevi una fede libera, svincolata dai prodigi. Desideravi un amore libero, e non i servili entusiasmi dello schiavo al cospetto del potere che lo ha terrorizzato per sempre. Ma anche in questo caso hai avuto un’opinione troppo alta degli uomini: benché nati ribelli, essi sono schiavi. Guardati attorno e giudica, a distanza di quindici secoli; vai, osservali: chi hai innalzato fino a Te? Credimi, l’uomo è per natura più debole e meschino di quanto Tu creda! È possibile, è mai possibile che compia ciò che Tu hai compiuto? Tenendolo in così alta ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati