· Città del Vaticano ·

Un misticismo immanente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 novembre 2021
La mattina del 15 settembre, ultimo giorno del suo viaggio apostolico in Slovacchia, Papa Francesco ha visitato il santuario nazionale di Šaštin, intitolato alla Beata Vergine Maria dei Sette Dolori. Ha così richiamato all’attenzione della cristianità una diffusa declinazione del culto mariano, codificata nell’antico titolo di Mater Dolorosa e profondamente radicata nella tradizione popolare, soprattutto in occasione della Settimana Santa. Questa accorata forma di devozione ha ispirato attraverso i secoli innumerevoli artisti, poeti, musicisti impegnati a ricostruire il profilo della Madonna Addolorata, nel suo aspetto esteriore non meno che nella sua straziata interiorità. Come non evocare, in primo luogo, la lauda drammatica di Jacopone da Todi Donna de Paradiso ovvero Pianto della Madonna, progenitrice di tante ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno