· Città del Vaticano ·

Una domenica-tipo sul Lungotevere con i volontari e le vittime di nuova e vecchia povertà

Un giorno di ordinaria solidarietà

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 novembre 2021
Il Lungotevere è sia centro che periferia a seconda delle zone, ma per alcune persone non è né l’uno né l’altro, ma solo un non luogo sommerso, dove non si sa nulla della vita di sopra, dei “salvati”. Ed è per questo che in un giorno d’ottobre abbiamo deciso di percorrerlo a piedi, mentre — al di sopra dei ponti — correva una tiepida giornata elettorale per la Capitale. Muovendosi fra i quartieri di Roma, o meglio, sotto i quartieri, con un po’ di fatica nella comprensione di alcune scene e alcuni gesti, balzavano agli occhi due itinerari speciali, da nord a sud: quello della solidarietà, quello dell’indifferenza. E poi ve ne era un terzo, onnipresente e scandaloso: quello della fame. Sul Lungotevere i romani sanno che il lavoro dei volontari inizia presto, al mattino, per non impedire a nessuno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati