· Città del Vaticano ·

In marcia verso gli Usa sognando un futuro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 novembre 2021
Luc, 28 anni, ha lasciato Haiti quando ne aveva 22. Se il terremoto del 2010 gli aveva distrutto la casa, gli anni della non ricostruzione gli hanno fatto crollare anche la speranza. Non vedeva una possibilità di rimettersi in piedi e se l’è andata a cercare in Cile, 6 mila chilometri più a sud. Ci è rimasto fino a luglio di quest’anno, quando è stato assalito per strada mentre faceva una consegna. Poi ha avuto paura per sé, per sua moglie Geraldine, per il loro bambino di due anni e mezzo: ha lasciato il lavoro di corriere, da un giorno all’altro, e con la famiglia si è messo in marcia verso gli Stati Uniti. Bus, furgoncini, passaggi in barca e lunghe camminate nelle foreste, tra Colombia e Panama: i tre hanno raggiunto il Messico in un mese. Sono riusciti a passare Tapachula, appena al ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati