· Città del Vaticano ·

La crisi delle risorse idriche

Sora Acqua

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 novembre 2021
Nel 2050 5 miliardi di persone non avranno acqua da bere, per l’igiene personale, per irrigare i campi, dissetare gli animali e per la produzione. Sono ben 107 i paesi “fuori strada” rispetto alla gestione sostenibile delle proprie risorse idriche e i prolungati periodi di siccità, dovuti ai cambiamenti climatici, che hanno ridotto l’accumulo dell’acqua terrestre di un centimetro all’anno. E, considerato che solo lo 0,5% dell'acqua sulla Terra è utilizzabile come acqua dolce, è chiaramente a rischio la sicurezza alimentare e la salute dell’uomo. La crisi delle risorse idriche è un fenomeno per lo più invisibile perché si manifesta con un eccessivo prelievo ed un abbassamento del livello delle falde ed è la diretta conseguenza del moltiplicarsi della richiesta d'acqua. Negli anni Settanta ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati