· Città del Vaticano ·

A Katowice la beatificazione di don Jan Franciszek Macha

Martire della carità cristiana

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 novembre 2021
Nell’oscurità di una ingiusta prigionia, trovò in Dio la forza per affrontare la persecuzione che lo condusse al martirio. Erano gli anni dell’occupazione nazista della Polonia e il sacerdote Jan Franciszek (Giovanni Francesco) Macha, per la sua attività apostolica, attirò le attenzioni della Gestapo, al punto da divenire vittima dell’odio contro la fede. A distanza di quasi ottant’anni dalla sua morte, il cardinale Marcello Semeraro, in rappresentanza di Papa Francesco, lo beatifica sabato mattina, 20 novembre, nella cattedrale di Cristo Re, a Katowice. Jan era nato il 18 gennaio 1914 a Chorzów Stary in Polonia. La sua era una tipica famiglia slesiana. In casa si respirava un’atmosfera religiosa. Nel 1928 il ragazzo era entrato a far parte dell’Associazione della gioventù polacca di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati