· Città del Vaticano ·

L’estremo limite del male

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 novembre 2021
Gli ultimi canti dell’Inferno disegnano i punti fermi della prospettiva teologica di Dante, poiché il suo pensiero politico-filosofico-morale si stratifica nella dimensione estetica, creando quelle icone incancellabili nella nostra memoria: Ugolino e Lucifero. Eppure è necessario ancora scalfire, come avviene in ogni restauro di opere d’arte, la superficie, per ritrovare il colore originario impresso da Dante ai suoi versi. Vengono in aiuto le fonti sacre e profane di Dante, rielaborate secondo la sua prospettiva teologica. A questo punto del viaggio è necessario fornire al lettore tutte le coordinate possibili per capire quale sia l’estremo limite del male, a cui arrivano le creature angeliche e umane. Progressivamente i dannati e demoni, che precedono Lucifero, sono immersi nel ghiaccio di Cocito: giganti fino ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno