· Città del Vaticano ·

Futuro degli oceani

Come cambia la blue economy

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 novembre 2021
Sul campo di battaglia navale le pedine hanno assunto una nuova forma: non più solo navi da guerra e pescherecci, ma petroliere, sottomarini a comando remoto e perforatori. Al largo si scorgono anche delle piattaforme con pale eoliche. Che succede? Cell Press l’ha definita «blue acceleration»: la crescita delle esplorazioni umane nell’Oceano. Secondo l’Ocse, il 64% del fatturato ricavato dall’economia dell’oceano proviene dall’industria del petrolio e del gas off-shore. Ma recentemente sta emergendo una nuova attività: la deep sea mining, ossia l’estrazione di minerali dai fondali oceanici. Disciolti nelle acque e depositati in profondità, si trovano i noduli polimetallici. Come riportato da uno studio della Us Geological Survey, i noduli sono aggregati di minerali, assumono la forma di una patata e sono ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno