· Città del Vaticano ·

L’annuncio dell’India dopo le proteste dei contadini

Abrogata la riforma agraria

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
19 novembre 2021
New Dehli, 19. In India saranno abrogate le leggi di riforma del sistema agrario. Lo ha confermato il primo ministro, Narendra Modi: «Cominceremo il processo costituzionale nella sessione parlamentare che prende il via alla fine del mese». Facilitare la commercializzazione dei prodotti, liberalizzare l’agricoltura a contratto e aumentare le restrizioni sulle materie prime: questi i tre pilastri della riforma agraria annunciata nel 2020. Tuttavia, l’iniziativa avrebbe avuto conseguenze drastiche sul 60% della popolazione indiana. Così, nel Paese, una serie di proteste popolari avevano costretto il governo a sospendere le riforme per 18 mesi. Recentemente, i contadini hanno annunciato che avrebbero marciato ogni giorno con 500 trattori nel centro della Capitale. Con l’abrogazione della riforma, Modi ha anche ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati