· Città del Vaticano ·

Documento della Comece sull’etica nel settore finanziario

Per costruire il bene comune

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 novembre 2021
Bruxelles, 18. Un appello a tutti gli esponenti della grande finanza, dalle istituzioni dell’Unione europea ai governi degli Stati membri, alle grandi imprese industriali e di servizi, alle università e ai cittadini, perché mettano al centro della loro azione finanziaria ed economica il principio di “cura”, contribuendo alla costruzione del bene comune dell’umanità. È quello lanciato dalla Commissione delle Conferenze episcopali dell’Ue (Comece) tramite il documento di riflessione sull’etica nel settore finanziario intitolato «Un sistema finanziario al servizio del bene comune in tempi di cambiamento sistemico». Redatto dal gruppo di lavoro ad hoc sull’etica finanziaria della Comece, presieduto da Paul Dembinski, direttore dell’Observatoire de la Finance a Ginevra, il testo avanza la richiesta ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati