· Città del Vaticano ·

Tra giudizio estetico e morale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 novembre 2021
La sudcoreana Squid Game ha sempre meno bisogno di presentazioni. Da quando Netflix ha iniziato la distribuzione, sono tornati alla ribalta gli intramontabili rovelli attorno al concetto di mimesi che hanno segnato il dibattito filosofico almeno dal iv secolo avanti Cristo. Che cos’è l’arte e quale il suo compito: riprodurre le cose «come sono», «come sembrano» o «come devono essere»? Al di là delle speculazioni puramente estetiche, non si può continuare a pensare che soltanto i cattivi alimenti o i cattivi cosmetici siano in grado di nuocere all’integrità della persona. Anche il prodotto di un atto creativo, sebbene non passi per la bocca o per la pelle, può avvelenare la comprensione. Ogni cattivo prodotto culturale genera, extra fabulam, un certo campione di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati