· Città del Vaticano ·

La rete della speranza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 novembre 2021
Centri d’ascolto parrocchiali e diocesani, empori solidali per le famiglie in condizione di povertà, fondazioni antiusura, centri e servizi per i senza dimora, per migranti e rifugiati, per minori, anziani e disabili, per famiglie in difficoltà o mamme sole, per persone affette da disturbi mentali, tossicodipendenti e alcolisti, malati di Aids. È una rete capillare e in continua crescita, sia per l’aumento dei poveri e dei bisogni, sia per la maggiore professionalità e capacità di rispondere alle richieste della società italiana più fragile e impoverita: si tratta del welfare cattolico rappresentato dalle opere e dalle attività delle Caritas, sparse capillarmente in tutto il territorio. Con la pandemia, poi, si è verificato un picco di attività solidali e di volontari ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno