· Città del Vaticano ·

Una generazione troppo esposta

Infanzia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 novembre 2021
In queste settimane chi si occupa di infanzia e adolescenza ha sentito parlare e ha parlato di Squid Game: vera emergenza educativa o il solito polverone sollevato da adulti spaventati che non sanno come adeguarsi “a un mondo che cambia”? Spesso la questione è stata affrontata proprio in questi termini: tutto o niente. Personalmente, dopo aver scritto sulla mia pagina Facebook un post dove riferivo che molti insegnanti della primaria erano preoccupati del fatto che numerosi loro alunni erano diventati spettatori della serie e poi inscenavano nei loro giochi situazioni viste (post che ha raggiunto a oggi quasi cinque milioni di persone) ho ricevuto migliaia di commenti. Molti mi hanno scritto invocando la qualità della serie tv a giustificazione del suo successo: siccome è molto valida e ben scritta e di alto pregio ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati