· Città del Vaticano ·

Feroce ritratto di una società alla deriva

Il dibattito sulla serie tv «Squid Game»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 novembre 2021
Ti chiedi, vedendo Squid Game, se i temi che affiorano dalla sua trama truculenta servano a rendere il racconto più impegnato o se siano semplicemente il modo per rendere il contenitore più attraente e performante. Quanto è autentico il sottotesto di Squid Game? Abbastanza per la denuncia di una società alla deriva che con ferocia e cinismo opprime il debole senza rendere felice il forte? A sufficienza per una riflessione sul potere e sul dominio del denaro che nella serie tutto muove? La distopia, in Squid Game, è angoscia del reale o è solo moda? È identità o cosmesi di un testo scaltramente truccato da impegnato per farsi più penetrante ed efficace sul mercato? E non è che questa ambigua maschera fornisca essa stessa il lasciapassare per scaricare meglio l’ennesimo, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno