· Città del Vaticano ·

In un barcone sovraccarico di migranti a 30 miglia dalle coste libiche

Dieci morti soffocati

17 novembre 2021
Una lunga scia di morti che rischia di non fare più notizia. Migliaia di persone disperate che sognano un futuro migliore perdono la vita come è successo martedì nel Mediterraneo, a 30 miglia dalle coste libiche. La nave umanitaria Geo Barents di Medici senza frontiere è intervenuta in soccorso di un barcone in legno sovraccarico di migranti, salvandone 99, ma scoprendo, purtroppo, sul fondo dell’imbarcazione dieci cadaveri: dieci persone morte per soffocamento, dopo 13 ore alla deriva in mare. Un episodio analogo era avvenuto lo scorso aprile, sempre nel Mediterraneo, quando 130 persone morirono soffocate dopo aver chiesto, invano, per due giorni aiuto. Dall’inizio del 2021 sono 1.225 le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo. «È evidente la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno