· Città del Vaticano ·

Parte da Brescia un progetto che vede protagoniste le persone vulnerabili

Custodi del bello

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 novembre 2021
Costruire un modello di intervento concreto, modulare e replicabile; valorizzare il volontariato, la partecipazione civica e lo scambio di buone prassi; riattivare le persone con fragilità di lunga data o che hanno temporaneamente perso il lavoro a causa della pandemia; realizzare un cantiere “diffuso e decentrato” nei quartieri della città al fine di tutelare la “bellezza” tramite interventi di rigenerazione urbana a servizio della cittadinanza; educare la comunità al valore economico e sociale della cura del “bello” attraverso varie modalità comunicative e iniziative a livello territoriale. Sono questi i vari obiettivi del progetto nazionale “Custodi del bello”, presentato a Brescia e rivolto a persone in condizione di disagio che, grazie alla cura di aree pubbliche come parchi, giardini, strade e piazze, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati