· Città del Vaticano ·

«Una piccola cosa senza importanza», romanzo per ragazzi di Catherine Fradier

Sacha, Destinée e la coperta di Linus

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2021
Ci sono molte fragilità insieme nel romanzo di Catherine Fradier. C’è la disabilità, il bullismo nelle scuole, le violenze fisiche e morali, la fatica di tante donne di conciliare lavoro e vita privata; c’è il dramma dei bambini e delle bambine soldato, c’è l’enorme difficoltà di essere accettati e compresi nelle proprie difficili storie. C’è tutto questo in Una piccola cosa senza importanza (Crema, Uovonero 2021, pagine 176, euro 15, traduzione di Ilaria Piperno), e sta proprio qui la forza di questo romanzo per ragazzi. Perché invece di suonare come qualcosa di posticcio, di inverosimile, l’insieme di tutti questi ingredienti sforna una storia importante. Dopo aver subito un grave atto di bullismo che l’ha quasi ucciso, Sacha Sourieau — protagonista e io narrante — viene ritirato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno