· Città del Vaticano ·

Ufficio oggetti smarriti

Il sogno di essere felici

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2021
C i sono film che nella testa di un autore nascono prima di altri (più fortunati) ma vedono la luce anni dopo. E con meno fortuna. È il caso di Paradise Alley (“Taverna paradiso”) di Sylvester Stallone. Ma la fortuna, grazie a Dio, non è un metro di giudizio affidabile. Era il 1970 quando nella testa di Stallone ronzava una storia. Una gran bella storia peraltro. Un romanzo che raccontava la storia di tre fratelli italiani a New York (nel 1946) alle prese con la vita difficile e le difficoltà di sbarcare il lunario. E magari, addirittura, il sogno di essere felici. Questo romanzo non lo volle nessuno, non prima che Rocky Balboa salisse sul ring. Fu infatti solo dopo il successo planetario di Rocky che Stallone ebbe la possibilità di dare corpo e anima alla sua vecchia storia. Pagine e finalmente ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati