· Città del Vaticano ·

L’arte

Cézanne e le carte

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2021
È un inno all’essenzialità Giocatori di carte realizzato da Paul Cézanne tra il 1890 e il 1895. I due uomini vestono in modo sobrio e dignitoso, gli oggetti sono scarni e occupano il meno spazio possibile. Anche la bottiglia, che fa da spettatrice alla partita, è disadorna: non ha nemmeno un’etichetta che la identifichi. L’atmosfera è dimessa ma al contempo risulta calma e accogliente. L’artista affidava a questo quadro il compito di trasmettere un messaggio chiaramente modulato: si possono realizzare capolavori anche seguendo i criteri ispirati alla più spartana semplicità. Un messaggio in polemica con le tendenze dell’epoca, orientate verso un’arte elaborata, che non disdegnava di popolare le tele con una congerie di elementi e di sovraccaricarle di colore. Spicca dunque nel quadro la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati