· Città del Vaticano ·

Il documentario di Alessandro Galassi sulla tribù amazzonica degli Harakbut

Ma i guardiani della foresta ballano ancora

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 novembre 2021
Ballano gli Harakbut, per dire che ci sono ancora, che resistono, che la Madre de Dios, la loro regione, la loro terra nel cuore della foresta amazzonica del Perú, è ancora tra le più ricche di biodiversità del pianeta. Anche se è minacciata, e loro lo sono con lei. Ballano gli Harabukt, nelle prime immagini del documentario Anamei – i guardiani della foresta, scritto e diretto Alessandro Galassi: lo fanno per dare voce alla loro cultura antica e fragile, alla loro storia che riguarda tutti noi esseri umani, perché parla del nostro passato e del nostro futuro, del nostro rapporto con la terra, con la Creazione e con la “casa comune”. E ci ricorda come tutto sia connesso: l’uomo con la terra e l'uomo con ogni uomo. Ballano gli Harabukt, anche se in alcuni punti la loro foresta non c’è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati