· Città del Vaticano ·

Ricordo di Wilbur Smith

L’etica dell’avventura

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 novembre 2021
Avrebbe voluto fare il giornalista, ma il padre si oppose perché vedeva in lui la figura del “perfetto commercialista”: questa non fu una valutazione lungimirante. Wilbur Smith — scomparso il 13 novembre all’età di 88 anni — alla fine non ha fatto né il giornalista né il commercialista. È invece diventato, per dirla con il «Times», «un autore di culto, uno di quei punti di riferimento cui gli altri scrittori vengono continuamente paragonati». Wilbur Smith, zambiano naturalizzato sudafricano, ha venduto oltre 140 milioni di copie. La maggior parte delle opere è legata all’Africa, sua terra natale, ed è ambientata nel periodo che va dalla seconda parte del xvii secolo alla prima parte del xx secolo: il filo conduttore che unisce i diversi testi è dato dalla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno