· Città del Vaticano ·

La scuola raccontata ai più piccoli

Anche questa è matematica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 novembre 2021
C’è un tema che torna spesso nelle pagine e nelle strofe di Gianni Rodari: l’errore. L’errore è il motore, la miccia, l’ingrediente che non può mancare, il protagonista senza il quale non c’è storia. Il lievito di ogni cosa. E se nel 1964 usciva quello che sarebbe diventato un suo grande classico di filastrocche e racconti brevi, Il libro degli errori, non c’è praticamente scritto di Rodari che non li citi o non li richiami. «Gli errori – dirà lo scrittore di cui si è appena celebrato il duplice anniversario (il centenario dalla nascita e il quarantennale dalla morte) – sono necessari, utili come il pane e spesso anche belli. (…) Certi errori possono essere utili strumenti per evocare alcune realtà, magari per conoscerle meglio. Si può insegnare al bambino non solo a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno