· Città del Vaticano ·

Attentato in una moschea di Jalalabad

Un altro venerdì di sangue in Afghanistan

13 novembre 2021
Kabul , 13. Ancora un drammatico venerdì di sangue in Afghanistan, segnato da un attentato in una moschea alla periferia di Jalalabad, nella provincia orientale di Nangarhar. Il bilancio, ancora provvisorio, è di almeno tre morti e 15 feriti. Ma si teme un numero di vittime più alto. L’esplosione è stata inconsapevolmente innescata dall’Imam — a sua volta rimasto gravemente ferito — quando al momento di recitare la preghiera ha acceso l’altoparlante, dove era stato nascosto l’esplosivo. L’azione non è stata ancora rivendicata, ma la provincia di Nangarhar è da tempo diventata una roccaforte dell’Is-K, il ramo afghano del sedicente stato islamico, a cui le autorità locali sembrano attribuire la responsabilità. Di certo, da quanto i talebani hanno preso il controllo della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno