· Città del Vaticano ·

Migranti vittime delle violenze e dei cartelli criminali nel passaggio dal Messico agli Stati Uniti

Il sogno della frontiera

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 novembre 2021
L’industria del crimine che coinvolge migliaia di migranti al confine con gli Stati Uniti prosegue indisturbata con successo la sua attività grazie alle estorsioni, i maltrattamenti, gli abusi sessuali e di autorità. I profughi rappresentano una preziosa merce di scambio dal momento in cui entrano in Messico per transito. Contestualmente l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha fatto sapere che il numero dei richiedenti asilo provenienti dalla regione settentrionale del Centro America è aumentato significativamente negli ultimi cinque anni. I motivi sono diversi. «Segnaliamo su tutti l’aumento dei crimini e delle violenze alimentati dai cartelli della droga e dalle bande, la fragilità delle istituzioni governative, la mancanza dello stato di diritto, l’aumento delle disuguaglianze, la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno