· Città del Vaticano ·

America Latina e Asia

Protagoniste

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 novembre 2021
«S«iamo davvero una (sola) umanità?» Con questi interrogativi Ailton Krenak, leader e pensatore del popolo indigeno Krenak del Brasile, apre ‘Idee per rimandare la fine del mondo. L’identità esemplare di un piccolo popolo per il futuro delle società umane’ (Aboca, 2020). Lo scrittore divenne una figura di riferimento del movimento indigeno continentale il 4 settembre 1987, quando, con il volto dipinto di nero, rappresentò all’Assemblea Costituente le istanze dell’Unione delle Nazioni Indigene (Uni) nella scrittura del patto costituzionale, pronunciando parole memorabili: «I popoli indigeni hanno modi di pensare e vivere che mai hanno messo a rischio l’esistenza nemmeno degli animali della foresta, men che meno di altri esseri umani. Hanno sempre vissuto a prescindere da ogni ricchezza. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati