· Città del Vaticano ·

Ferma presa di posizione al Consiglio di sicurezza dell’Onu

L’Occidente chiede alla Belarus di non strumentalizzare i migranti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 novembre 2021
Minsk, 12. I Paesi occidentali hanno condannato al Consiglio di sicurezza dell’Onu la Belarus per la crisi dei confini con la Polonia. In una dichiarazione congiunta Estonia, Francia, Irlanda, Regno Unito, Norvegia e Stati Uniti hanno condannato la «strumentalizzazione di esseri umani orchestrata» dalla Belarus al confine con la Polonia al fine di «destabilizzare il confine esterno dell’Unione europea». L’obiettivo, hanno sottolineato, è anche quello di «destabilizzare i Paesi vicini» e «distrarre l’attenzione dalle proprie crescenti violazioni dei diritti umani». La situazione, hanno aggiunto, mostra come il governo guidato da Alexander Lukashenko «sia diventato una minaccia per la stabilità regionale». Per questa ragione i Paesi occidentali hanno chiesto alle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno