· Città del Vaticano ·

Preoccupazione della Chiesa sulla situazione al confine tra Polonia e Belarus

Una crisi ai danni dei più deboli

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 novembre 2021
Minsk, 11. «Preghiamo per le persone che appartengono al gruppo più vulnerabile dell’umanità: migranti e rifugiati»: è quanto si legge sul sito della Conferenza episcopale bielorussa, (catholic.by) che propone una preghiera per i rifugiati e sulla grave crisi umanitaria che si sta consumando in questi giorni al confine tra Polonia e Belarus, dove sono ammassate circa 4.000 persone. Una situazione insostenibile condannata con fermezza anche dall’arcivescovo Stanisław Gądecki, metropolita di Poznań e presidente della Conferenza episcopale polacca, il quale ha dichiarato che «la maggior parte dei migranti è vittima di un’azione politica spietata e dell’avidità della mafia del contrabbando. Per questo vorrei ripetere ancora una volta che le persone che soffrono a causa di questo male ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati