· Città del Vaticano ·

Smart city Modello per tutti o per pochi?

11 novembre 2021
Intelligente, sostenibile, efficiente, innovativa. In una sola parola, smart. Cosa? Una città. Anzi, una smart city. Il termine oggi va molto di moda. Anche troppo. Perché spesso lo si utilizza in modo improprio. No, una città non può essere smart se, in primis, non offre un sistema di trasporti efficiente o se non sa gestire i propri rifiuti. Ancor più rischioso, poi, è accostare questo concetto agli slogan sulla sostenibilità, fatti di “-ismi” (ambientalismo, ecologismo, …) e di (false) promesse. Esempi di “degenerazione da smart city”? La Polonia: sui tetti delle città ci sono troppi pannelli solari. Dopo gli incentivi dati dal governo polacco per l’installazione del fotovoltaico, come gli sconti in bolletta, la produzione di energia solare è cresciuta del 200%. Ma la rete ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno