· Città del Vaticano ·

Ripensare la logica delle città

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 novembre 2021
Duecento anni fa nasceva la città moderna con i suoi grandi epicentri di vita collettiva sincronizzati con gli orari di lavoro di fabbriche, mercati centrali e centri commerciali. Oggi il nucleo urbano ha altre priorità: la riduzione dell'inquinamento e il miglioramento della qualità della vita in termini di sicurezza, trasporti e servizi telematizzati. Gestire la mobilità, i sistemi, i rifiuti, le urgenze o le emergenze e produrre decisioni in tempi rapidi: utopia o realtà nella città del terzo millennio? «Nella mia visione di una città-arcipelago, dove le isole sono i quartieri autosufficienti nei servizi al cittadino e percorsi al loro interno dai flussi della mobilità pubblica e da grandi corridoi verdi della biodiversità, è fondamentale che ogni borgo, ogni ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati