· Città del Vaticano ·

Il cardinale Hollerich sull’emergenza alle frontiere dell’Europa

Non possiamo accettare che le persone muoiano alle frontiere dell’Ue

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 novembre 2021
«Accettare che le persone muoiano alle frontiere dell’Ue significa che non si crede più nei valori europei». Strumentalizzare queste persone è un peccato terribile. Lo dice il cardinale il cardinale Jean-Claude Hollerich presidente della Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione europea (Comece), in una intervista rilasciata a Francesca Sabatinelli per i media vaticani nella quale affronta la grave crisi che si sta vivendo in questi giorni al confine tra Polonia e Belarus. Eminenza, cosa rappresenta per l’Unione europea questa crisi così violenta e drammatica? Penso che sia il fallimento della politica europea, perché la politica europea è quella di pagare altri Stati, come la Turchia e la Libia, affinché i profughi non possano arrivare in Europa. Ecco allora che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati