· Città del Vaticano ·

Nel Myanmar orientale

Bombardata la cattedrale cattolica di Pekhon

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 novembre 2021
Naypyidaw, 11. Razzi e proiettili pesanti sono stati lanciati ieri notte dall’esercito birmano sulla cattedrale cattolica del Sacro Cuore, nella diocesi di Pekhon, Myanmar orientale. Lo ha riferito all’agenzia Fides padre Julio Oo, sacerdote nella diocesi attaccata. Nella città di Thang Tlang l’esercito ha anche bruciato 134 case e due chiese cristiane, una presbiteriana e una battista. La repressione militare in Myanmar, iniziata a febbraio, ha causato più di mille morti e 223.000 sfollati. Le forze armate del Paese, note come Tatmadaw, possono contare su oltre 500.000 unità e su potenti mezzi di artiglieria ed aviazione. Dall’altro lato, le milizie locali continuano a combattere contro l’esercito. Ieri il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha espresso «profonda preoccupazione» per i disordini in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati