· Città del Vaticano ·

Pillole di teologia

Grembo di Etty Hillesum

10 novembre 2021
Le tristi pagine della storia dei campi dì concentramento del secolo breve parlano solo in superficie del buio siderale di tempi radicalmente oscurati dalla barbarie. Eppure nella fitta notte, l’intensa oscurità è squarciata dalla luce più potente delle stelle. Etty è diminutivo di Ester che vuol dire “stella”. È una stella cadente che porta un messaggio di speranza, mentre incoraggia con le sue promesse a manifestare un desiderio: «dovrò educare il mio desiderio e guidarlo verso la sua destinazione finale, con tutta la cautela e la dignità di cui sono capace» (Diario, p. 390). Si interroga, pone domande al suo cuore, “pensa” su come mettere in piedi questo stelo piegato e piagato del cuore. Include anche la necessaria eventualità di “domare il desiderio”, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno