· Città del Vaticano ·

Storie di misericordia

«Grazia ai prigionieri!»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 novembre 2021
In un tragico passaggio di Guerra e pace, l’ufficiale Fëdor Dolochov, con lo sguardo acceso da un crudele luccichio, decide di uccidere tutti i prigionieri francesi caduti nelle sue mani. Il brano del romanzo di Lev Tolstoj rispecchia una triste realtà storica, purtroppo avvenuta tante volte. Ma in mezzo a tante carneficine e ai fiumi di sangue versato brilla la generosità di un generale che, negli strazi dell’agonia, raccolse le ultime forze per invocare la salvezza di cinquemila uomini che appartenevano all’esercito da cui era stato ferito a morte. Il perdono dato ai nemici dal marchese Charles Melchior Artus de Bonchamps, il 18 ottobre 1793, a Saint-Florent-le-Vieil, è passato alla storia. L’episodio avvenne durante l’insurrezione della Vandea. Sulle guerre vandeane non mancano studi approfonditi e anche ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati