· Città del Vaticano ·

Dopo l’attentato a Baghdad

La vicinanza del Papa al premier iracheno

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 novembre 2021
Baghdad , 9. Preghiera e vicinanza al primo ministro iracheno, Mustafa Al-Kadhimi, alla sua famiglia e ai feriti, sono state espressi da Papa Francesco, in un telegramma, a firma del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, fatto pervenire allo stesso capo del governo di Baghdad dopo l’attentato di sabato scorso. Secondo fonti delle forze dell’ordine irachene, contro l’abitazione del premier — che si trova nella cosiddetta “zona verde” di Baghdad, un’area della capitale fortemente protetta dove hanno sede anche l’ambasciata degli Stati Uniti ed edifici governativi — sono stati lanciati tre droni carichi di esplosivo. Due velivoli sono stati intercettati e abbattuti dalla sicurezza del premier, mentre il terzo è riuscito a fare esplodere la sua carica. Al-Kadhimi è rimasto illeso, mentre alcune guardie del corpo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati