· Città del Vaticano ·

Arrestate 38 persone

Irruzione nel centro salesiano ad Addis Abeba

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 novembre 2021
Addis Abeba , 9. La situazione della sicurezza in Etiopia, scossa da un sanguinoso conflitto iniziato nel Tigray e che va avanti da oltre un anno, rischia di prendere una deriva drammatica in tutto il Paese con ripercussioni preoccupanti anche per la Chiesa locale. Lo scorso 5 novembre le forze governative avrebbero fatto irruzione in un centro gestito da religiosi salesiani nel quartiere Gotera ad Addis Abeba, arrestando 38 persone, tutte di origine tigrina. Tra loro diversi sacerdoti, fratelli e impiegati. Al momento, non si conosce il motivo degli arresti, né il luogo della detenzione. La notizia, resa nota da più fonti sul campo, è stata rilanciata dall’agenzia Fides, che riporta anche un messaggio ricevuto dai salesiani in Etiopia, nel quale i religiosi invitano a “pregare per la pace e l’unità del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati