· Città del Vaticano ·

Solo l'istruzione può aiutare a combattere la disinformazione

Favorire la conoscenza contro la crescita dell’odio online

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 novembre 2021
La non conoscenza, l’ignoranza, unita a quel megafono globale che sono i social, ha portato ad un aumento dell'incitamento all'odio in tutto il mondo, con il rischio di fare crescere la violenza, minare la coesione sociale e la tolleranza. È stato un vero atto d’accusa quello contro l’odio in rete emerso dalla recente Conferenza mondiale dei ministri dell’Istruzione, promossa dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco). «L’odio si radica nel terreno dell'ignoranza», ha detto durante la Conferenza il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. «C'è sempre spazio per il dibattito intorno alle opinioni. Non c’è spazio per il dibattito intorno ai fatti. Dobbiamo assicurarci che mentire torni ad essere un male», ha aggiunto il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati