· Città del Vaticano ·

Il libro di Massimo Tellan

Sul mare come Pietro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 novembre 2021
Alcuni libri prendono vita come se, davanti ai nostri occhi, ci fosse un acquerello. O un’icona, giusto per citare la prefazione di monsignor Rino Fisichella a Petros. L’uomo che imparò a camminare sul mare, di don Massimo Tellan, parroco a Roma e apprezzato artista realizzatore di icone. Le stagioni si avvicendano sulle colline intorno a Gerusalemme, i colori mutano e nello scenario della bellezza quotidiana di quella terra tormentata e sacra, si animano le figure dell’apostolo Pietro e di Cristo. Così umani, vicini, reali. Nelle pagine di Petros. L’uomo che imparò a camminare sul mare (Edizioni San Paolo, 2021, pagine, 256, euro 18) si ritrovano le fragilità e le contraddizioni di un uomo, Pietro, segnato dalla vita e dalla storia, che si affida con turbamento e speranza al Messia, al Maestro: le ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati