· Città del Vaticano ·

Lo sviluppo attuale e le inquietanti prospettive del turismo spaziale

Non esiste un pianeta b

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 novembre 2021
Esistono, oggi, due mondi. Quello dei viaggi spaziali e quello di chi ne paga le conseguenze. Nel primo vivono le persone disposte a sborsare centinaia di migliaia di dollari per sostituire l’esclusiva meta esotica qualunque con un viaggio nello spazio. Nel secondo ci stanno i singoli, schiacciati dalle conseguenze di stili di vita sregolati che li obbligano ad abitare una condizione di non-vita. In effetti, più che di due mondi dovremmo parlare di due facce della stessa moneta. Da una parte è incisa una realtà fatta di misure sempre più strette — risorse naturali ed economiche, diritti, qualità della vita — mentre nel rovescio è lampante come quella misura venga sempre superata. Non è più così scontato, ormai, che questi due mondi siano geograficamente contraddistinti. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno