· Città del Vaticano ·

In Etiopia prevalga la via pacifica del dialogo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 novembre 2021

In Etiopia «prevalgano la concordia fraterna e la via pacifica del dialogo»: è l’appello lanciato all’Angelus domenicale da Papa Francesco, preoccupato per «le notizie che giungono dalla regione del Corno d’Africa», in particolare dal Paese «scosso da un conflitto che si protrae da più di un anno e che ha causato numerose vittime e una grave crisi umanitaria». Invitando a pregare «per quelle popolazioni così duramente provate», il Pontefice ha ricordato anche un’altra nazione africana, la Sierra Leone, dove l’incendio seguito a un’esplosione di carburante, nella periferia della capitale Freetown, ha provocato vittime.

In precedenza, commentando il Vangelo proposto dalla liturgia, incentrato nella circostanza sul noto episodio dell’obolo della vedova, ha proposto quest’ultima come «maestra di fede». Le sue monetine, infatti, «hanno un suono più bello delle grandi offerte dei ricchi, perché esprimono una vita dedita a Dio».

Il testo dell'Angelus