· Città del Vaticano ·

La gioia dei giovani insegnanti dalla Sicilia alla Lombardia passando per Cagliari

Che bello essere chiamati prof

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 novembre 2021
«Da studenti ci si pone domande sul proprio futuro, si iniziano a coltivare dei sogni. La vita adulta ci appare a volte come un percorso già segnato, altre volte ciò che avverrà dopo il diploma è vago; mai avrei pensato, però, che anni dopo mi sarei trovato all’interno delle stesse mura e negli stessi cortili della scuola da insegnante». Sono le parole di Antonio Atzeni, 31 anni, docente di matematica e fisica presso l’istituto salesiano Don Bosco di Cagliari, la cui prospettiva è cambiata nel giro di un decennio, ma con un motivo di fondo familiare. «Sono stato formato nel liceo salesiano, continuo ora a formarmi nello stesso luogo che è sicuramente cambiato in tanti aspetti, ma che è pur sempre casa, la casa di don Bosco. È una scuola che ha fatto nascere ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati