· Città del Vaticano ·

Buono, pulito e giusto per tutti

08 novembre 2021
Se non fosse per la scaramanzia che caratterizza i napoletani all’ombra del vulcano più famoso del mondo, la Comunità Laudato si’ Vesuvio 1 potrebbe definirsi esplosiva: un movimento comunitario che ha coinvolto in un percorso condiviso sulla cura della casa comune le parrocchie della pedemontana vesuviana, la condotta Slow Food, alcuni circoli Laudato si’, l’amministrazione e la Pro-Loco di Trecase e alcune associazioni sensibili del territorio. Così, don Federico Battaglia e Maria Lionelli hanno dato vita nel 2019 alla Comunità per ricostruire una coscienza ecologica a seguito dell’incendio nel 2017 della riserva boschiva del Parco Nazionale. L’opera della Comunità in questo tempo sul territorio vesuviano può essere raccontata attraverso la storia di alcune persone che si sono messe ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno