· Città del Vaticano ·

Nell’ultimo saggio di Dario Antiseri una riflessione sul senso della vita tra l’assurdo e la speranza

Se la risposta viene chiesta al fideismo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 novembre 2021
Esistono interrogativi sul senso della vita che inquietano, e altri che ravvivano la speranza. Uno fra questi si può sintetizzare così: perché il mondo è fatto come è fatto, e obbedisce invariabilmente alle sue leggi? Non sarebbe più logico che, anziché essere prevedibile e misurabile, fosse costantemente in balia del caos? E, dal momento che l’ordine è la norma dell’universo, come impedirsi di pensare che qualcosa o Qualcuno lo determini? Una traccia di questo enigma confinante con le ragioni della metafisica lo si ritrova in una frase famosa del filosofo e logico Ludwig Wittgenstein: «Non come il Mondo sia è ciò che è Mistico, ma che esso sia». Ed è significativo che un filosofo morale, Dario Antiseri, l’abbia inserita quasi ad esergo del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati