· Città del Vaticano ·

Responsabilità istituzionale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 novembre 2021
Riconoscere la responsabilità istituzionale della Chiesa nelle violenze subite da tante vittime, la dimensione sistemica di tali crimini — nel senso che singoli atti individuali sono stati resi possibili da un tacito contesto globale — e infine il fatto che questa responsabilità comporta un dovere di giustizia e riparazione, che apre alla possibilità di chiedere perdono nella verità: tre impegni formulati solennemente dalla Conferenza episcopale francese, passi decisivi sul cammino della riconciliazione con chi ha subito abusi sessuali frequentando le istituzioni ecclesiali negli ultimi decenni. I vescovi hanno votato queste decisioni ieri 5 novembre durante l’assemblea plenaria in corso di svolgimento a Lourdes, qualche ora prima della penultima sessione di lavoro dedicata al tema degli abusi alla quale hanno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno