· Città del Vaticano ·

Nuova edizione de «Le origini dell’estetica medievale» di André Grabar

Per aprire gli occhi dello spirito

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 novembre 2021
Nato a Kiev nel 1896 e morto a Parigi nel 1990, André Grabar è stato il capofila della scuola francese di studi bizantini. Grande conoscitore dell’arte paleocristiana, a lungo docente all’École des hautes ètudes e al Collège de France, ci ha lasciato numerose opere di indiscutibile valore. Tra esse, l’Editoriale Jaca Book ha di recente mandato in libreria Le origini dell’estetica medievale (Milano, 2021, pagine 176, euro 50), un volume arricchito da un ottimo corredo iconografico e contenente tre studi. Il primo contributo, risalente al 1964, è intitolato Il messaggio dell’arte bizantina e propone al lettore alcune rilevanti certezze, la prima delle quali viene espressa nei termini seguenti: «Gli artisti bizantini di ogni epoca sono stati sufficientemente preparati per assolvere i compiti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati